A come…

da Nonna Pepper

Sono arrivata a cinquant’anni senza aver avuto la fortuna di incontrare l’amore vero della vita e provo sincera invidia dove lo scorgo…eh si perché nonostante tutte le cose dette e scritte, coppie aperte, white wedding, corna e cornuti esistono queste unioni solide basate sulla volontà ferrea di stare insieme lavorandoci ogni santo giorno.

E’ un lavoro scegliersi OGNI GIORNO con cura e gentilezza.

Difficilissimo non cadere nell’ovvietà e “sbracare”.

La testa decide: io voglio, posso e, resto.

Ed allora vorrei ciò che non ho avuto, l’amore grande, vero.

Le coppie di ferro esistono ma sono perle rare, preziose come quelle avvolte e protette nel loro guscio in fondo agli oceani.

Non ho avuto questa fortuna.

Il padre dei miei figli, dopo pochissimi anni, si è rivelato si è rivelato diverso da ciò che volevo ed oggi all’alba dei miei “cinquanta” so cosa vorrei.

Un amore fatto di reciprocità, di condivisione e soprattutto di rispetto.

Il piacere e la voglia sacrosanta di stare insieme, condividere tempo, interessi, la gentilezza, la cura nel rivolgersi, nel dire e chiedere le cose ogni volta.

Essere belli ed attraenti per me è proprio questo, il garbo nei modi, l’eleganza nel rivolgersi, nel trattare il proprio partner.

A me è mancata proprio questa grazia nei modi, quell’eleganza innata ed attraente.

Tutti noi potremmo essere perle rare impegnandoci quotidianamente.

Ed allora alla domanda: “preferireste un amore per la vita o tanti amanti”rispondo con queste parole di Yoshimoto:”… però un amore che non sembri l’ultimo per una donna non è che un inutile passatempo”.

A me piace l’idea del “per sempre”, so che è sbagliato ma, le favole che mi raccontavano da bambina finivano sempre così e questi sono i miei limiti.

E voi…cosa preferireste?.

Baci , baci, la vostra Pepper.

Lascia un Commento

Potrebbe interessarti anche